Libreria Quarto Stato

Dal 1978 (r)esistiamo nel mondo della cultura e dei libri.

Archivio per il tag “libreria quarto stato”

Racconti Horror di Sul Ring col Morto

ring morto

Nell’aggiornare il sito vi proponiamo due racconti che ci sono piaciuti dell’ultima edizione di “Sul Ring col Morto”, uno per il respiro narrativo proposto dalla giovanissima autrice Serena F.di 10 anni, e l’altro per la capacità di sintesi drammaturgica di Cipriano Pagano.

Racconto 1

The Twinsdoll

di Serena F., 10 anni

Lizz sorrise stanca alla zia maledicendo in tutte le lingue che conosceva sua madre. Insomma, aveva sedici anni! Possibile che la madre non si fidasse a lasciarla un week-end a casa da sola? Certo doveva badare alla sorella, ma la sua amica Betany, che aveva due anni meno di lei, badava sempre a suo fratello quando i genitori andavano fuori.
Lilian, la sorella minore di Lizz, sorrideva allegramente alle storie buffe che sua zia le raccontava, lei adorava quella donna a differenza di Lizz. Lizz considerava la vecchia zia Marie completamente fuori di testa, forse perché parlava con gli oggetti, o anche perché era assolutamente sicura che il suo gatto Felix avesse predetto la morte del signor Jamerson grazie ai suoi sensi felini e poi glielo avesse riferito. Lizz comunque credeva,anzi, ne era certa, che fosse molto più sicuro lasciare Lilian a lei e non a zia Marie.

«E queste?» Lily mostrò alla zia due bambole identiche fra loro «queste cosa dicono?» Marie le prese in mano e rimase in silenzio qualche secondo poi, stringendo gli occhi, emise un sibilo.

«Sono nate parecchi anni fa, le ha create una bambina che non aveva amici, una bambina che veniva considerata inferiore perché paragonata sempre ai suoi cinque fratelli. Le ha costruite mettendoci l’anima e, a lavoro terminato, ha chiesto alle bambole di rimanere sempre unite affinchè siano più forti unite».

Lily fissava la zia con sguardo assorto «Povera bambina» disse guardando con gli occhietti blu pieni di rammarico le due bambole «Però non ha fatto un ottimo lavoro, sono tutte rovinate!» Lilian afferrò una delle due bambole dalla mano della zia portandola vicinissima al viso. Non le aveva mai osservate attentamente, ma ora che ci faceva caso le due bambole non erano poi così belle: avevano un occhio marrone e uno verde, una mano più piccola dell’altra e una scarpa gialla e l’altra rossa, però erano assolutamente identiche fra loro.
«Oh… all’inizio erano perfette, me l’hanno detto loro» sospirò allora la zia.
«Poi che è accaduto?» Lily fissò la vecchia zia piena di curiosità e si avvicinò alla donna per sentire meglio.
«Un giorno uno dei fratelli della bambina la picchiò e le disse che lei era pazza, ed era la rovina della famiglia. La bambina piangendo abbracciò le bambole continuando a ripetere di non essere pazza ma di essere assolutamente normale, tanto quanto i fratelli. La mattina dopo, al suo risveglio, le bambole avevano qualcosa di diverso: entrambe avevano un occhio castano. Il fratello della bambina fu trovato riverso in una pozza di sangue, non aveva più gli occhi» la voce di Marie si era fatta lugubre.
«Ora basta!» Lizz,che aveva seguito la storia svogliatamente, si era alzata dal divano e aveva strappato anche l’altra bambola dalle mani della zia.

«Queste sono solo bambole e non parlano! Lilian, metti il pigiama e fila a letto» la bambina, tremante, si alzò dal pavimento e diede la bambola a Elizabeth.
«Queste tienile tu stasera» disse prima di filare in camera sua.
«Non dovresti trattarle così» Lizz fissò la zia con sguardo severo.
«Lilian ha solo otto anni, non avresti dovuto raccontarle questa stupida storia, stanotte non dormirà bene!»

Marie sospirò poi si alzò dalla poltrona.
«Rimetti le bambole nella camera di Lilian, è lei la proprietaria ora» Lizz sbuffò poggiando le bambole sul divano.
«No, stanotte rimarranno in soggiorno, grazie alla tua simpaticissima storia mia sorella non le vorrà più tenere» disse, dopo aver scoccato un’altra occhiata alla zia e si diresse su per le scale alla ricerca della sorella.
«Lily̶» disse accarezzando la testa bionda della bambina «zia Marie è pazza, non darle retta! Sai come dice Kirsty “zia Marie non è sola, ha le voci della pazzia che l’accompagneranno sempre”» disse Lizz tentando di calmare la sorella che, spaventata stringeva spasmodicamente un peluche.
«Ma anche Kirsty è strana, ha diciotto anni e parla con i suoi vestiti!» disse Lily.

La cugina delle ragazze effettivamente parlava con i vestiti, ma non perché fosse pazza, solo perché aveva visto davvero troppi telefilm!

«Vabbè, adesso dormi» le scoccò un bacio sulla fronte poi, dopo essere uscita dalla camera e aver chiuso la porta, andò a dare la buona notte anche alla zia, che per quella sera avrebbe dormito nella camera degli ospiti.
«Zia io vado a letto, mamma arriva alle nove domattina» Marie annuì e sorrise alla nipote.
«Notte Lizz»> disse chiudendo la porta della sua camera.

Strana” si ritrovò a pensare la bionda.

***

Lizz si svegliò di soprassalto e si ritrovò a fissare la sveglia che indicava 4:09.
Sbuffando si tirò a sedere sul letto, poi decise di scendere al piano di sotto, il sonno era passato.
Si diresse in cucina per bere un bicchiere d’acqua fresca dopodiché si andò a buttare stanca sul divano del soggiorno.
Maledicendo tutto e tutti, si passò una mano sul fianco dolorante, si era seduta su quella stupida bambola di porcellana! L’afferrò e la gettò con poca cura sulla poltrona alla sua destra, poi cominciò a tastare il divano intorno a lei per trovare anche la gemella, senza risultato.
Sospirando accese la televisione abbassando il volume al minimo per non svegliare nessuno, poi prese a guardare un orribile film drammatico.

***

Lizzie.
Lizzie.
Aprì di scatto gli occhi trovandosi circondata dal buio, doveva aver fatto cadere il telecomando e la televisione doveva essersi spenta. Si alzò dal divano e guidata dalla memoria accese la lampada che si trovava alla sua destra.
Il telecomando si trovava sul tavolino dove lei aveva l’abitudine di poggiarlo. Che strano!

Si ritrovò a pensare.
Scosse la testa e fece per tornare al piano di sopra ma quasi cadde riversa a terra, era inciampata in quella stupida bambola di porcellana! L’afferrò e si girò per appoggiarla sul divano vicino alla gemella.
«Ma che…?» vuoto, il divano era completamente vuoto. Lizz sentì una leggera brezza scompigliarle i capelli, peccato che la finestra fosse serrata.
Il respiro divenne affanno, si affrettò a salire le scale e si fiondò nella sua stanza chiudendo la porta.
Sto impazzendo!
Si stese nel letto rigirandosi un paio di volte. Soffocò un urlo e si affrettò ad alzarsi e a uscire dalla camera.
Quella stupida bambola era sul comodino della stanza di Lizz con quegli occhietti vitrei e quel sorriso inquietante. Lizz schizzò fuori dalla porta e si diresse a passo spedito verso la stanza della sorella minore, provò ad aprire ma la porta era chiusa a chiave, corse allora alla porta della camera della zia; stessa cosa.
Lizzie, è inutile fuggire.
Elizabeth si pietrificò e si girò, al centro del corridoio le due bambole di porcellana la guardavano sorridenti stringendosi la mano.
«ZIA» Lizz,cominciò a battere forte i pugni sulla porta della camera della vecchia zia Marie «ZIA,AIUTO!» dentro la stanza qualcosa si mosse e la maniglia della porta fece per abbassarsi.
«ELIZABETH,CHE SUCCEDE? LA PORTA NON SI APRE» Lizz sentì gli occhi pizzicare al suono di quelle parole. Lasciò perdere la porta e fuggì nuovamente al piano di sotto senza guardarsi indietro. Arrivata in soggiorno afferrò la vecchia mazza da baseball del padre e cominciò a guardarsi intorno.
Lizzie, a noi non piace giocare!
Sentì quella voce agghiacciante a un palmo dall’orecchio e agitò la mazza nel vuoto, ogni secondo che passava sentiva il cuore martellare sempre più veloce nel petto.
«Che volete da me? Io non ho fatto niente!» disse al nulla, continuando ad agitare la mazza da baseball in aria.
Un fruscio la fece scattare verso la porta, sollevata scoprì che almeno quella d’ingresso poteva aprirsi, allora si mise a correre,avrebbe trovato qualcuno per strada disposto ad aiutarla; erano le sei del mattino in fondo.
Corse, corse a perdifiato e la prima persona che arrivò a soccorrerla fu scossa da un urlo agghiacciante.

***

Oggi, 2 novebre,alle ore 6:12 è stato rinvenuto il cadavere della sedicenne Elizabeth Ann Miller, trovata riversa a terra all’incrocio della XXIII strada. La ragazza è stata rinvenuta da un vicino che è stato attirato da grida, la vittima presenta lesioni multiple su tutto il corpo, i capelli le sono stati rasati e il pigiama che indossava è stato strappato in più punti. La zia e la sorella hanno affermato di aver sentito Elizabeth urlare questa notte e di aver provato ad aiutarla, ma entrambe non sono riuscite ad intervenire per l’improvviso blocco delle serrature delle porte delle loro camere.
Si attendono verifiche della scientifica per verificare se sul corpo della vittima vi sono tracce del DNA dell’ assassino.

***

«Grazie zia, ma sono un po’ grande per giocare con le bambole»

Kirsty sorrise falsamente, ringraziando sua zia Marie e stringendo al petto quelle inquietanti bambole dai boccoli biondi.
«Trattale bene mi raccomando! Altrimenti si arrabbiano eh» sorrise la zia, la ragazza fece un sorrisino tirato e si allontanò.
La vecchia Marie allora cacciò una foto stropicciata dalla tasca del giubbino, c’erano lei, sua sorella Sophie, suo fratello Mark e i gemelli James e il compianto Andrew. Sorrise sghemba e prese a pensare, la povera Lizz aveva dei capelli degni di una bambola, Kirsty invece aveva dei capelli orribili, però aveva una bocca meravigliosa.
Kirsty si rigirò le bambole fra le mani e guardo la zia sorridere a vuoto.

Era proprio pazza.

Racconto 2

La Parentesi

di Cipriano Pagano

«Il vino aveva fatto effetto – disse Lucy – ora dovremmo essere al sicuro, ora dovrebbe essere chiaro che cosa accadrebbe se uscisse fuori».

«Non possiamo evitare tutto questo… – propose George – ho ancora i brividi. Dovevamo starne fuori ,dovevamo tenere al sicuro quella cosa! Mamma lo diceva sempre: non svegliatelo di giorno, il sole lo fa imbestialire. Ora non è solo. Dio, Dio, Dio. Perchè lasciasti Satana sulla terra?» prendendo la bottiglia sorseggiò tremante. Prese la parola l’altra nella stanza: «Stuzzicare la cosa lì dentro è stato un errore, mai avrei creduto che fosse cosi forte, non ci credo che rinchiuso in quel modo avesse la forza di prendere Mel, dopo tutto questo tempo. Il suo sguardo mi da’ ancora i brividi». Frida si passava le mani sul volto, lavando via un’immagine che non voleva sparire.

«Ti sei sporcata la faccia. Frida di chi è quel sangue, da dove viene?».

Frida si guardò le mani ed erano sporche, unte di rosso «Di chi è questo sangue?». Lucy e George la fissavano accusandola. «No, ragazzi vi prego non mi fissate». Lucy e George si avvicinarono a Frida, lei intenta a fissarli esclamava: «No vi prego ragazzi, siamo amici da tempo, non potete farmi questo, sono anni che siamo assieme, una stupida serata non può rovinare tutto».

«Noi siamo… – si intromise Lucy – Noi siamo costretti a sopravvivere, e per questo che stiamo insieme ai cari malati. Ci mancherai tanto». I due si avventarono su di lei, presero a colpirla all’addome e al volto, impiegarono diversi minuti a bloccarla: «In fondo farai compagnia a mio fratello e a Kyle».

Come loro solito versarono il vino nella mangiatoia presente in un angolo buio della stanza e due figure dalla pelle bianca sgattaiolarono fuori.

«Come faremo ora, cosa diremo ai Nostri?»

«Diremo che non c’era altra soluzione. Non potevamo permettere il ritorno di altri come Loro. Capiranno…».

Annunci

Sul Ring col Morto: Concorso letterario per autori di racconti horror

ring morto

2 Novembre 2013
Concorso letterario per autori di racconti horror.
Prima sfida Letteraria Campana sul Tema narrativo
degli Zombi e di altri mostri .

“Sul ring col morto!”
Cosa faresti di fronte a un morto vivente?
Vieni in Libreria il giorno dei Morti, il 2 Novembre: dalle 18.00 alle 20.30.
Sali sul Ring per leggere il tuo racconto e mostrare quanto sangue freddo hai!
Una serata creativa e divertente in cui verranno premiati i migliori racconti da autori esordienti come te.

Premi in Palio:
Primo Classificato:
Gioco in scatola tema horror.
Secondo Classificato:
Volume completo della Trilogia horror Drive-In dello scrittore americano Joe Lansdale, edito da Einaudi Stile Libero.
Terzo classificato: Un albo illustrato a fumetti della saga The Walking Dead edita da SaldaPress.
Inoltre i tre racconti finalisti saranno pubblicati sul sito della Libreria Quarto Stato.
Regole e Info:
– L’evento ha un costo di iscrizione di 10 euro e avrà luogo solo al raggiungimen-to del gruppo minimo di iscritti, previo prenotazione anticipata presso la Libreria oppure telefonando al numero 338-2604885.
– L’evento si terrà presso la Libreria Quarto Stato di Aversa, e avrà una data uni-ca e irrevocabile.
– Sono ammessi autori di ogni età amanti del genere horror o fantasy a patto che presentino un racconto inedito scritto in proprio e pronto per la lettura dal vivo.
– Sono ammessi al concorso racconti horror o fantasy inediti di una lunghezza massima pari a 2000 battute (spazi inclusi). Ogni autore dovrà portare con sé il racconto già stampato e pronto per la lettura.
Per info:
Inkistolio.wordpress.com
Facebook: Libreria Quarto Stato

Il Primo Workshop “HORROR STORY ”

Il Primo Workshop “HORROR STORY ”

3 serate da paura per approfondire lo StoryTelling  narrativo del Genere Horror: 11-18 e 24 Ottobre  2013.

Aspettando Halloween

Venerdì 11 Ottobre dalle ore 19 alle ore 21:

“Pellicole in Salsa Rossa”

Il meglio e il peggio del cinema dell’orrore dai classici ai giorni nostri. L’incursione nel mondo della narrazione per immagini, fornirà durante l’attività di laboratorio, spunti utili a capire come analizzare film e cortometraggi  che mettono brividi. Visioni di pellicole, analisi e spunti per riconoscere tecniche di Storytelling e utilizzarle raccontando nuove storie.

Venerdì 18 Ottobre dalle ore 19 alle ore 21:

“Pagine insanguinate”

Cosa sognava Lovecraft prima di scrivere le sue storie? Quali paure aveva Tim Burton quando disegnava i suoi personaggi mostruosi? Perché Lansdale con La notte del Drive-In ha ricodificato i canoni del romanzo horror contemporaneo? Stoker, prima di scrivere Dracula, ha studiato davvero chimica e biologia o era soltanto un avvocato del diavolo? Durante l’attività di laboratorio verranno raccontati, letti ed

esaminati alcuni dei capolavori della letteratura mondiale, ma anche storie raccapriccianti nostrane che hanno colpito molti lettori pur senza fare il giro del mondo.

Giovedì 24 Ottobre dalle ore 19 alle ore 21:

“Tubi catodici splatter e Matite di frassino appuntito”

Guardare The Walking Dead  crea dipendenza? Che differenza narrativa passa fra la saga a fumetti e il telefilm? Zio Tibia era un venditore di ossi per cani o c’entra qualcosa con  I racconti della cripta? Creep Show 1 e 2 fanno parte di un’unica storia?

Se sì, perché sono stati narrati per singoli episodi?

Lo zombie horror esiste solo in televisione o anche in villaggi di popolazioni indigene?

Dalle serie horror ai fumetti che più hanno affascinato milioni di appassionati del genere!

Il costo dell’intero workshop è di 30 euro a persona.

Per iscrizioni di gruppo di almeno 5 persone, ci sarà uno sconto di 5 euro a persona.

Il corso sarà tenuto da Mario Schiavone, blogger del quotidiano L’Unità, si è diplomato in StoryTelling alla Scuola Holden di Torino fondata da Alessandro Baricco, ha scritto per Radio, Teatro, Giornali ed Editoria.

INFO: Libreria Quarto Stato, Via Magenta 78/80, Aversa http://www.libreriaquartostato.com

TEL. 338-2604885 / 333-7318848

Poesia “Rapsodia Aversana”

Quest’oggi vogliamo condividere per la sezione “Dicono di noi” una poesia di una persona che ha avuto il pensiero di citarci tra i versi!

Buona Lettura!

RAPSODIA AVERSANA

   

     Guardando basilisco venenoso

      lo so isguardare  face l’om perire…

                                        Jacopo da Lentini

  

 

Uff, ohi quanta burbanza!

Quanta algosa barba verdastra!

Sono mille anni ormai

di strafatta retorica ed io voglio

semplificarla questa storia

e raschiar via croste e scaglie!

Mi infastidisce l’esotico

invaghimento che affligge

il mio paese natìo.

Ovvia tenetevi le vostre ubbie,

crapuloni normanni,

ehm… quanta fasullagine!

Dove vanno errando gli spettri

dei tuoi conti stranieri, Aversa?

In qual diroccati castelli

tra le nebbie svaniti

del rio tempo che fu?

E oggi? Ti ritrovi un museo

di antichità scompaginate

tra le vie sommerse nello smog

e fra i ricalchi del cemento;

arida al par d’inospite iddio!

E voi, Muse aversane,

accompagnate gli stravaganti

versi col girovago suono

dell’organetto di Barberia,

che nei meriggi assolati

udivo perdersi mesto e annoiato

nel dedalo delle stradine!…

        *         *         *

   Oh, le vecchie cose! le vecchie case!

Vagava per le strade sporche,

sui lastrichi malridotti e vacillanti

della rovinata contea,

stremato dai morsi voraci

delle mosche e dell’esotiche

ziiinzzzalae, anch’esse invaditrici

e, ancor più, suggenti pungitrici!

Non era un redivivo normanno

né rimpiangeva il passato,

se non per l’antico, compatto

e saldo lastricato.

Là, qualche giardino superstite

ridente ancor d’ agrumi nel sole,

limoni e mandarini;

trascurata, nell’ombra,

un’ ortensia languiva.

Vagava per viuzze ascose;

ivi degli inverni dura il sentore

e il musco intride le vecchie mura

del decimo terzo… del decimo sesto…

del diciottesimo?… ah, i secoli!

Da incuria svilite, quelle mura,

più che dal mazzafrusto dei venti,

intricate nel tufo dei secoli

offeso da rozze geometrie

in uniforme di cemento!

Vagava… tra ombre onerose

prone nell’inane preghiera,

sotto la muraria rigidità

delle torri campanarie.

Non era un redivivo normanno

né rimpiangeva il passato:

campanili, tonache,

prelatizie berrette,

ecco l’eredità dei barbari,

w la Breccia di Porta Pia!         

         *         *         *

   Ah, quanti vicoletti

gremiti d’ombre remote…

Quando la pioggia ne lustra il basalte

le vedi specchiarsi e flottare

in quelle lastre brunite, oh, le ombre!

   Ancora spavaldi i portali

catalani! Le finestrelle,

i vetusti architravi,

una bifora sperduta lassù,

premuta nel moderno ciarpame.

Seriose, le monasteriali

monofore di Santa Maria de Platea,

calate le palpebre d’ombra,

se ne stanno in disparte, fissate

all’antico stile romanico

da un mistico tocco d’oriente.

Il castello di Ruggero e San Biagio,

via Madonna delle Nevi

con la cappella sconsacrata:

in quali lontani inverni

oh! qui le nevi posarono

insolitamente tanto candore?

Via Monserrato, via Drengot,

via Conte Riccardo, via Santa Marta…

   Scorso tutto il medioevo

non lasciò le ricordanze spagnole;

quel quartiere tracciato a fil di squadra,

strade diritte, strade latine…

Vi tese l’orecchio a ispaniche voci,

andaluse, basche, catalane?

Nulla! Ma propinqui gli giunsero

echi risorgimentali:

parole d’ordine, inni, fanfare!

Via Solferino, corso Bersaglieri,

piazza Crispi, piazza Magenta

e ancora, toh! la via Magenta.

Bissato il nome della battaglia,

nella stretta dell’eroica pugna

tra le baionette incastrata

una fantastica Taberna Libraria,

la “ LIBRERIA QUARTO STATO ” !

Permettiamo a lui di indugiarvi,

lasciamolo un po’ riposare,

ché in questa Taberna c’è forse

il sunto del variegato percorso.

   Avete udito quella ispida voce?

Ein Gespenst geht um in Europa

Das Gespenst des Kommunismus

Vi figurate, squadre d’ operai

con berretto e fusciacca?… Nulla

di tutto ciò; solo, lì, avventori

borghesi! E, la quintessenza

del marx-leninismo, il dogma

classista? E il materialismo storico?…

Ascoltiamo una singolare voce

che non ha cadenza normanna,

la voce della leva leninista:

 

“Sette giorni, dodici ore: non si vive più a lungo.

E brevi sono le ore e piccola la misura

del calendario…”

“Qui da noi le parole più profonde

diventano abitudine,

invecchiano come i vestiti…”

   Sono incisi nel bronzo proletario

i versi del fiero suicida!

Con lirica foga Maiakovski

scatena le sue parole d’ordine;

il martello batte l’incudine,

ritmi di fucina da fabbro,

nero fumo e baglior di faville…

E invero, l’alacrità dei suoi fabbri

vantava un tempo questa città!

   Accogliente l’ottocento librario!

E il libraio? Una figura

di onesto cospiratore.

Sorprendente! Un Carbonaro

in medaglione a cifra tonda

e aggiungete altresì una punta

di sostenuto rigor calvinista!

Frattanto, e in sottofondo,

un fruscio di falce che fende il fieno…

Ma sicuro! C’era una volta

gente contadina tra queste mura

“normanne”, e anche dapprima

e fino alla sua tarda gioventù,

quando scomparve la bella campagna

con gli alti pampini dell’ uva asprigna.

Fischiava allora la falce

laggiù nei campi assolati

e qui, tra le mura, tuonava percossa

dal fabbro l’incudine, mentre

cavava trucioli la pialla

e ne versava in giro la fragranza.

   Anche lui fa le sue compre:

classici latini, poi greci ed altra

merce reazionaria e retriva. Come!…

Alla “ LIBRERIA QUARTO STATO ” ?

E via, sfuggite il pregiudizio,

ché la libraia, attenta e cortese,

gli porge i volumi con la flemma

d’una mite dama romana!

Non vi smarrite in congetture,

non è il racconto di una seduta

spiritica, né siete sul set

d’un film dell’extra-normale;

non è qui che incontrerete

le ombre di Hébert o di Babeuf,

né le ciocche ricciolute di Marx

né tanto meno il fantasma di Mao,

siete semplicemente alla

“ LIBRERIA QUARTO STATO

sulla soglia del ventunesimo secolo!

Ancora il fruscio della falce

e il ritmo che picchia sull’incudine

nei versi de Il Poema di Lenin

 

“Stagni di lacrime sulla terra,

torbidi stagni di sangue…”

 

“Solitari sognatori

cercarono soluzioni in assurde utopie;

filantropi si ruppero il capo

contro l’aspra durezza della vita…”

   E ancora Marx detta il Manifesto:

Un fantasma geht um in Europa

Das Gespenst des Kommunismus

Sulle mura della Taberna ,

travolgendo le scansie dei libri,

scorrono corpose sagome

di omerici cavalli parlanti

nel muto racconto del cineasta

sovietico, l’immaginoso Dovcenko

“correte, correte!…corriamo…

non v’accorgete

che corriamo come il vento?…”

Epopee anche quelle di giorni

ormai trapassati, anzi remoti,

volati via come il vento!

            *         *         *

   Dalla scismatica bottega

venendo sulla via

non c’è l’antico muro a fronte!

Chiudeva quel muro il giardino

che nella calda stagione

l’eroica mischia inondava

d’un profumo di gelsomini.

Vergati da mano severa

i desolati versi

giova qui riportare…

 

 “Sulle oasi di palme soavi

s’addensano macchie scure…”

E ancor, vale aggiungere,

del moloc smodata è la brama;

d’ ingorde ganasce oggi

sono fabbriche i municipi!

Fronda o fior non procura il profitto,

e pur le gloriose vestigia

con i marmi degli avi

sfigura il cemento, importuno

con il suo squamoso grigiore!

Là, in quella Taberna,

forse l’ultima sala

delle aversane memorie,

d’ogni storica vanità

fornito è il compendio.

di Alvaro Tespaneo

Navigazione articolo